« Torna alla lista

ALESSANDRA ZACCO DEI TEDALDI

Alessandra Zacco dei Tedaldi, pur essendo nata e cresciuta a Trento, ha origini tosco-romagnole per parte di madre. Il testo presentato vuole essere un omaggio alla memoria di Rina Tedaldi, donna umile, caparbia, coraggiosa, bella, intelligente, onesta e capace di insegnare alla propria figlia i valori fondamentali per vivere una vita intensa, ricca di impegni di famiglia e di lavoro, trascurando tutto ciò che è vanità di vanità, senza mai, tuttavia, perdere di vista la cura di sé e di coloro che son più vicini. Apprezzata insegnante di economia domestica, il suo talento principe era la produzione a mano di merletti a tombolo, arte che aveva con grazia introdotto nelle alte valli del Trentino, quando negli anni Cinquanta del secolo scorso si trasferì, lasciando la famiglia d’origine per conquistare la propria libertà e indipendenza come donna. «Grazie, mamma!»

01 ULTIMA MEZZORA D’INVERNO Tutto accade per colpa dell’amore
02 Il poeta preferito, mi chiedi
03 Rami ovunque spezzati
04 Il giorno che ti ho detto sì, ho visto
05 Abitudine della mancanza,
06 Ora il mio viso è più chiaro
07 Stagione degi arcobaleni
08 Continuum
09 Ho sparso i frammenti di me