« Torna alla lista

AMALIA USAI

«La poesia… canto dell’anima! Luci che si colgono qua e là anche sulle più piccole cose che ai più passano inosservate, ma capaci di suscitare commozione e contemplazione… Come una linfa vitale, quasi nata con me, oserei dire, che non mi ha mai abbandonato nel corso degli anni, sebbene in questo tempo si sia un po’ diradata nella frequenza di composizione. Rimane, però, comunque e sempre, come un soffio struggente capace di accendere di speranza e di bellezza la storia mia personale e, più ancora, quella più vasta, universale, dove spesso l’esistenza umana stenta a librarsi in volo e a trovare – o recuperare – libertà e dignità, nonché gli spazi profondi, quelli più veri, quelli che dovrebbero esserci più congeniali, perché siamo impastati di armonia e di bellezza, più che di brutture…».

01 Sentieri nel tempo Uomo prigioniero
02 Adagiando speranze
03 Innocenze ferite
04 Aspettavamo un raggio
05 Io sogno
06 Aquiloni dimenticati
07 Il Cielo è ritornato Luce
08 Stupore