« Torna alla lista

Irene Galfo

«La poesia, tra le tante cose meravigliose, è una ballerina timida, ma decisa, fragile, ma determinata, ha un cuore d’oro, ali d’argento, mani di velluto, piedi delicati ed è quella forza del silenzio, quando il silenzio misto all’emozione non può più tacere… Allora comincia la sua danza di “parole vive”, “sogni reali” e ad “occhi aperti” che divengono dalla “mente”, dal “cuore” e da tutte le “tracce” che in queste “terre” vi troviamo…».

alle madri
a emily dickinson
a etty hillesum
a mio padre
aforismi
alla neve
amore
certe cose sono così
con le radici
desidero preghiera
fantasia pura
folling in love
ho visto
il cuore ha delle porte canzone comica
mi preoccupo (monologo)
poesia della tristezza
poesia sulla punteggiatura
quando mi prende l'amore
questi gatti
scrivi
sogni d'oro
ti presento pace e perdono
tutti noi veniamo da qualcuno