« Torna alla lista

Luciano De Nardi

«“Cianoindia”, nato il 5 settembre 1956 a Vittorio Veneto, risiedo a Vittorio Veneto. Trovando imbarazzante dovermi descrivere mi avvalgo della facoltà di non rispondere. Lo fa per me un eccelso professore, Fabio, con uno stile asciutto e pungente».

Vaghe notizie attorno a Cianoindia. Frequenta il collegio dei Padri Algonchini, scoprendo poi che non si tratta di una confraternita religiosa ma di una tribù di nativi del Canada. Il suo vero nome è CianoIndia, Luciano De Nardi è uno pseudonimo o, come dice lui con molta modestia, due sostantivi e un De. Si diploma in roaming nel 1973, dopo che una visione celeste del dio Ganesh lo avverte che vent’anni dopo ci sarebbe stato il boom della telefonia mobile. Apre un ristorante indiano [Salaam Bombay 2003] in cui tenta di spacciare i brigittebardot al garam masala per una specialità del Kerala. Secondo alcuni studiosi il nome Ciano india deriva dal nome del suo cane Ciano india, appunto. Come Indiana Jones. Posto che concetti come “realtà” abbiano ancora un senso colui di cui qui si parla non è in realtà il “vero” Cianoindia. Si tratta di un avatar uno scampolo di paradiso indù, forse di un figlio adottivo di Visnù niente in confronto del tiramisù, vabbè insomma no le’ lu’.

01 Un dì
02 Forza
03 Assurdo
04 L'albero
05 Solitudine
06 Amore che vieni amore che vai