Michele Lalla

Poesie


VII – PAROLE DI EMIGRATO

Non parlano e chi parla vuol stupire
o forse ha bisogno solo di inveire
“Oui monsieur. A Parigi non si vive
piú. C’est terrible” dicono in francese
ancora intriso d’accento pugliese
anche dopo quarant’anni di vita
oltralpe e “Come si dice?” scandiscono
“Il y a seulement des sans papiers”
Oui extracomunitari o étrangers
che spacciano scippano si prostituiscono
sfruttano donne e commercio illegale
“Oui monsieur. À Paris rien ne va plus!”
Occupano chiese e fanno pipí
contro i muri, ma la memoria è labile
ha rimosso il dolore che ha scavato
le ossa col tragitto in treno merci
e a ricordarlo tace un “Monsieur merci!
So la notte che frontiera ho varcato”.

VIII – CONFINI DI MEMORIA

Le frontiere degli Stati non sono
sempre da attraversare, ma i confini
che ogni giorno limitano i respiri
legano i denti che in un colpo possono
strappare le tue carni, sono limiti
da abbattere: “Mon cher monsieur, la notte
je sais que frontières varcai tra tremiti
e lacrime. Oggi qualcosa si è rotto”.

Sissignore, un equilibrio mai stato
sangue ha sudato sulle barbabietole
mani ha spaccato sulle impalcature
e ha due figli: medico e avvocata.

Ora è qui sul treno per un piacevole
viaggio nella memoria dalla breve
durata dove la legge ha eliminato
le frontiere ancora dentro tracciate
che il pensiero intrecciano di neve.

IX – LEGA D’ANIME BUONE

Il pensiero si sfiocca con l’intralcio
di sentimenti opposti: l’apparire
e l’essere, l’interesse che falcia
anche il giusto intravisto e là a dire:
“Me car monsu, alè parèj anch’a Turin
non solo napuli e moru, anche squatter
con cortei che squassano vetrine
e i delinquenti li alzano sui poster.
Poi, il sindaco è con loro a discutere.
Ah! Quanda cëmiss la lus ëd la testa.
Me car monsu, non ci si può illudere,
con i piú forti il potere fa la festa”.

Tu a replicare: “Il sindaco è di tutti
perciò ascolta ogni voce che si desta”
ma è un parlar per sé senza costrutto.
Contro le convinzioni si può poco
come contro turbij ëd vent che fioca.

X – PAROLA D’UNIONE

Turbine di vento vortica fiocchi
oltre i confini di tormenti stretti
ai fianchi già divisi per gli scontri.

Si può solo aspettare che la coltre
sveli alle idee lidi d’altri fuochi
per guardare oggetti già scentrati
ma sempre per bisogni e valenze
immuni ai contenuti di precetti
sacri professati e mai coscienza:
cosí proclama la sua fede a tutti,
ma la coscienza è, non si professa.
“Me car monsu, pregano solo moru
che nianca pi i prèivi ai crèdu nèn”.

Gratuità del pensiero non dà remore
svuotando l’esercizio di riflessione
necessario a unire coscienza e azione
nella parola espressione di-mora.

XLI – PAROLE ESANGUI

Il treno sferragliava sul rosa
della sera con i pensieri arresi
che tornavano vuoti sulla tratta
Bologna-Modena.
Restavi stretto
a via Irnerio da dove distrutto
rientravi.
L’avevi lasciata pallida
e scorata scivolando sul liquido
di parole viscide: «Non è niente,
sú!»,
mancata espressione che tenti
fiducia e dia colore agli occhi.

Il treno pattinava sugli scacchi
rossi di papaveri senza varchi
per esangui colpe sul tuo specchio.

Il treno scivolava con gli schiocchi
d’inerti ruote sull’inerme arrocco
danzante l’estro di petali rossi.

LII – ABBRACCIARE IL MONDO

C’è pace sul monte Lancio e il cielo
è piú vicino
cedono gli steli
di falasco ai tuoi passi e solo
un fruscío resta nell’aria
là, rocce
bianche sul muschio e cippi
tracce
di sangue sulla terra calpestata
dallo straniero, vinte dall’azzurro.
Ah, Dio! Quanto è vicino il cielo
senza un perché ai mali della guerra.

La vertigine di luce ti smuove
a ritornare in basso di nuovo:
discesa che nell’orizzonte svuota
sul fianco della casa dove è fiorito
un ciliegio tra lapidi di fucilati
per una libertà dimenticata,
oggi che si esporta con le armi
la democrazia …
ma, Dio! Quali forme
divine ha quella nuvola di petali
sul ciliegio ora acceso dal sole
e stupito tendi le mani al mondo.

SECONDA PARTE
XIV – INCONTRO IN RETE

Assenza.
Anche la rete ne era coinvolta.
Domande e risposte.
A un tratto, dissolta
fu la distanza:
il messaggio era volto
al centro che da solitudine ha distolto,
ma nelle tue parole asciutte ha colto
desiderio e titubanza e a sua volta,
in uno stato di incertezza travolto,
era tentato a scrivere in un risvolto
di impossibilità di incontro molto
vicino, cosí la realtà era assolta
nel sogno senza contatto dei volti.

XXXIII – PASSI DI (S)TACCHI

Nebbie di tepali sparsi
tra i vapori di soglie mai
varcate per sentieri arsi
dal colore di desiderî
sfogliati nell’aria che sai
dove può mozzarti il respiro:
sepali di sogni staccati
dal vento che a caso spira
sulle vele verso la rotta
sulle tele s-fatte che rigira
nel vuoto percorso indotto
attraverso stipiti coatti
sfocando i contorni netti
di certezze non piú dirette
a reggere il passo della vita.

MICHELE LALLA, da Vita in B minore, ilmiolibro.it, Gruppo Editoriale L’Espresso, Roma, 2011

DIVINITÀ COMPARATE

Da volumi di gnosi a Barbera
sfiorano la coppa di liquore
le labbra bombici della vita
per immaginare la salvezza
nell’euforia dell’ebbrezza.

Qui Iddio ha un piano per l’uomo,
ma il dio di un bruco non è meno
di un dio d’uomo che tutto domina
e chi non è blasfemo beva il corpus
di vino che ci illude dominus.

Qui è la religione di scrittura
per innumerevoli parole status
e rimaste con logica in rottura.

Qui è la religione d’essere baco
che vive con suggestioni di drago
l’assalto a ragnatele del peccato.

FRAGILITÀ DEL MALE

La libertà si infrange sugli specchi
che riflettono vie opposte agli occhi
svelando una fragilità che scambia
il retto per l’ottuso e il falso compie
un passo avanti che un piú ricambia:
è una fragilità che dà sgomento
in corde tese ai nodi del cambio
impotenza per il dolore dentro
il viaggio tra il male del mondo
rabbia per unghie affilate d’uomo
che scalfiscono di sguincio le mani.

Ci si macera cosí in falsi torti
ma quando si cede allo sconforto
siamo tutti larve o figli di Caino.

SPARI A ONOMATOPEE

Non ho le ali e la testa di veggente
ma sbrígola nell’occhio una fragaglia
di pensieri ammasticati di voglie:
un marinaio di bruco che struscia
le rotte e si ragguaglia al timone
dove sgruisce arruffanato il vento
arrampina sartiami e spriscia vele
s’allupana al tocco della ruga
chi pensa al tartufo o alla Tortuga
ma mi tortura il mopegno pensare
e mi strallazza la coccuta a sparare
sberlezzi illetterati ai tardi ciamboni
quando si credono cannoni a piombo.

Forse siamo bruchi molli e trombazzuti
tutti sbidullati tra arrufferíe velate
castigliani razzeccanti di ambòrie
nell’acquario della cambusa volti
a saltellare i martelletti delle onde.


 

MICHELE LALLA, da Scurciature de memorie*, Campanotto, Pasian di Prato, Udine, 2001.

* Scorciatoie di memoria

 

PARTÈNZE PE LA GERMèNIE

Je z’annuccave ‘n ghènne e nen parlave.
S’abberritètte nu pizze de fazzole a lu dàite
pe salutí da lu finestrine de la poste
strètta logge de core e fonte d’arie.

Je z’annuccave ‘n ghènne e nen parlave.
Scennechejave nche na mina triste
partije gnè na rennelàlle a mèrze
ma sènza cante e sènza cuntentazze
tanta pensire e tanta ristrettazze.

A LU LAGHE

Ze guarde lu laghe e ze vède lu ciele
na núvola ghiènche z’arruffe e ze stire
verze na núvola naire che va a ffile
de nu cannaite e l’abbraccie settile.

Se guarde lu laghe e nu circhie leggire
te ze strègne a mine e crolle de piede.

SÈRE DE GIEGNE

Lu ciele acchiapp’a fa luciacappèlle
le guaglieune corre ‘n mèzz’a lu felène
ndròppeche e casche o ride e z’assètte
o strille: “Guarde, canta luciacappèlle
so cchiappate”. E le vide dirimpètte
due mine de stalle oltr’a la scurdite
ch’abbraccie capille e appicce l’ucchie
che te guarde. Z’affaccia a la finèstre
e addore la sère di giegne e lu vènte
flasche che sa de cerasce e di grène
ma ‘n sènte lu core che vatte forte
‘n pètte e che le chiame Viole a maie
e Rosa a settèmbre. Già la finèstre
za richiude e riste sole ncantate
nche nu piatte de papímble a nzalate.

L’AMORE A LA FENESTRE

5. Vé na sète de prèta sacche

Fère nu vènte che porte lu grène
pe ll’arie e all’are lasse la chème
cuscí vé na sète de prèta sacche
ch’abbracce lu silènzie de lu pezze
ddò leggire e cheupe jètte la corde.

Nu stagnarille vulde èsce càriche
de luce pe la rezzure de llabbre
e all’afe de leglie accèche l’ucchie
ca riflètte lu manne nche la scorce
che jitt’a lu mucchie de la mennazze.
Mbacce a saule cirche la faccia sa
l’acche che scioglie tèmpe e lànghe
ma è tarde, aretravulde lu cerchie
lu fonne de lu stagnarille bbone
p’aretruvà parole de canzèune
ch’ammascíche gnè nucce de precoche
le vu spetí, ma t’aremane ‘n macche.

NTRUUTAMÈNTE DE PENZIRE

St’acche de Trèste passe e ti mbanne
addò pedechejije ‘n mèzze a la laute
allesínnete le scarpe de penzire.
Si ‘rruvite a lu pantène da ddò
si parteute maddemène penzanne
arrète a lu scrosce de lu vallaune.
Accuscí z’è ntruutite le penzire:
a resaglie pe la ràsela vulde
ch’areccallave lu murucaune
virze la surgiúine e t’ha bbijite
a zampechejé tra le pescaglie
de le prime pisse e si addapite,
pèse a li jinucchie che t’incaglie
sémpre a lu puste addò si parteute
e ví addò te porte sémpre la Sorte
felate de vente e vole di rànnele.

suffette d’acche

Appijate a nu fêchere
me mbrijache nche st’acche
de settèmbre che cale a stagnarille
sull’ucchie e cole da fresce addulcite
de mèle de fêchere e sughe de-uve.

Stute la sète di na vocche
allanganite da parole
ch’abballe la tarantèlle
a memorie de le luciacappèlle
vuvènne st’acche de suffette Chiare
ddò si sagliate nche na scala
scancellate pe ddu ghèmme che treme
ancore ‘n cime a lètte de passijàune
che nen finisce mamie: ze stute
le penzire d’acche e ‘n te ne fide
manche a pipilí parole de core.

LA LÈME

Lu scaramucchie de nu cumbine
ch’allàreghe la viste z’è strichite
nche la lame d’acche ch’ha sduvijite
na núvele di vite spitillite
tennute a sudore de dète e schine.

Na ràsele de laute ha scumbenite
lu ddore d’èuve e lu file de penge
casche rasènte all’are de le zèmbe
scuprènne debbelèzze de la forze,
scapecullàrese affennate ‘n mèzze
a le pescaglie, ma tí ncore le curie
pe penzà a le magliule ch’acconce
lu file di nu cumbine di vine
arrète a lu fosse addò ze derrupe
le sunne che te dà ncore la sbèsse
a sumentà grène ch’arevé lluglie.

MICHELE LALLA, da Dé nche éune*, Campanotto, Pasian di Prato, Udine, 2012.

* Due con uno

SÀIRE

La sèra leggire avvertite gnè nu vèle
che cale e appicce le stélle a lu ciele,
porte na pace che la cocce chenfanne,
chiude l’ucchie e ascalte,
ascalte e sonne,
me pèrde e m’aritrove,
e lu monne
mé è lu paradise de na volte
a ta debbènne.

LU TRATEURE

A métreme

Chedd’è cullu trateure de fragaglie
che cure pure canna le scasceglie
e aretravulde riceveute e fuglie
de carte nche le chente, addò tuglie
l’aghe e le vetteune, lu detale
o la fúrceve e la ròcele de file.

Chedd’è cullu trateure che sciagaglie
sotte a le mine parole di pescaglie
addò la memorie te ce arravuaglie
le penzire e ce annascunne lu caglie
de le ulí: recchine, anèlle, e craglie,
fetografí, làttere, e pendaglie
che t’arecorde ore di maraviglie.

Chedd’è cullu trateure de tuvaglie
aricamite scujutite a maglie
de sunne mascichite gnè la quaglie
nche lu nide che le cerase coglie
sotte a le frusce de lu crède mèglie
lu jurre apprisse de mèmme e feglie.

Trateure ammendecate sopr’a ciglie
de le fusse pe pòrevele de sbiglie
dò l’acche de la ménde z’arraccoglie
porte sughe a le custate che peglie
de recurde ammuchiete gnè nu steglie
e arescalle lu core che ze scioglie.

STRILLE DI RÀNNELE

Ze mbrasche luciacappèlle e ucchie
a ’remmerí sta lune de precoche
che arescalle penzire cutte all’acche
d’euve e annucchite sopre a rècchie
de na vammacia molle e m’aricorde
cullu sapore de cerasce culte
sopre a núvele de fresce a strille
di rànnele che ariègne nu taralle
de sunne abballanne tarantèlle
de vènte e salestre tra scaramucchie
de sonne.
J’arevé nghènne le volte
che vedème ruscechejà na chiènte
canna javame quatrire de rualle (36)
che z’accuntentavame de niènte
doppe sème cresciute tra ruvare
addusulanne arie di capelle
menèstre de cummuje e de stalle.

CASA ASSEDIATE

Le parole è pestite a lu murtale
fatte pàrevele e vénte che nen fère
te ll’ome mètte all’ucchie gnè specchiale
che te fa vedé sèmpre a lu cuntrarie,
doppe che sí dette: “Scine, è lu vaire”
stí a crède sole a quèlle che nen varie.
Parole vulde che te suglie l’ucchie
‘n arecanusce chié la casa làreghe
de tutte quinte: te l’ha ll’ome dette,
la cocce nen sènte chié nche le racchie,
tante a dà zampate a la porte de la case,
tu ammire prète a vretie e dí spallate,
chi sponde le fenèstre e chi schenocchie
le segge, ce sta chi arrobbe lu tatte
e chi derrupe le meure … z’è fatte
piazza pulúite e che bèlle è stu piatte,
ma canna vé a chiove e cirche reddette
nen ce sta puste addò mètte lu lotte.

PARTENZA PER LA GERMANIA

Gli si annodava un groppo in gola e non parlava.
Si avvolse un lembo di fazzoletto al dito
per salutare dal finestrino della corriera
stretto balcone di cuore e fonte di respiro.

Gli si annodava un groppo in gola e non parlava.
Come ala muoveva una mano triste
partiva come una rondine a marzo
ma senza canto e senza gioia
tanti pensieri e tanta penuria.

AL LAGO

Si guarda il lago e si vede il cielo
una nuvola bianca si arruffa e si stira
verso una nuvola nera che va lungo il filo
di un canneto e l’abbraccia sottile.

Si guarda il lago e un cerchio leggero
ti si stringe a mano e corolla del piede (caviglia).

SERA DI GIUGNO

Il cielo comincia a fare le lucciole
i bambini corrono in mezzo al fieno
incespicano e cadono o ridono e si siedono
o gridano: “Guarda, quante lucciole
ho preso”. E le vedi di fronte
due mani di stelle sotto l’oscurità
che abbracciano capelli e accendono gli occhi
che ti guardano. Si affaccia alla finestra
e odora la sera di giugno e il vento
fresco che sa di ciliegie e di grano
ma non sente il cuore che batte forte
in petto e che la chiama Viola a maggio
e Rosa a settembre. Già la finestra
si richiude e resti solo incantato
con un piatto di papaveri in insalata.

L’AMORE ALLA FINESTRA

5. Viene una sete di pietra secca

Tira un vento che porta il grano
per l’aria e all’aia lascia la loppa
cosí viene una sete di pietra secca
che abbraccia il silenzio del pozzo
dove, leggero e profondo, getti la corda.

Un secchio vuoto esce carico
di luce per l’arsura delle labbra
e all’afa di luglio acceca gli occhi
perché riflette il mondo con la buccia
che getti nel mucchio dell’immondizia.
In faccia al sole cerca la faccia sua
l’acqua che scioglie tempo e lingua
ma è tardi, rimescoli il cerchio
il fondo del secchio bene
per ritrovare parole di canzoni
che mastichi come nòccioli di per coche
li vuoi sputare, ma ti rimangono in bocca.

INTORBIDAMENTO DEI PENSIERI

Quest’acqua di Treste passa e ti bagna
dove muovi i piedi in mezzo al fango
sporcandoti le scarpe di pensieri.
Sei arrivato al pantano da dove
sei partito stamattina pensando
dietro lo scroscio del vallone.
Cosí si sono intorbidati i pensieri:
a risalire il solco vuoto
che scavalcava il greppo
verso la sorgente e ti ha avviato
a zampeggiare tra le pozzanghere
dei primi passi e sei daccapo,
peso alle ginocchia che t’incaglia
sempre al posto dove sei partito
e vai dove ti porta sempre la Sorte
folata di vento e volo di rondine.

soffittO/a d’acqua

Appoggiato a un fico
mi ubriaco con quest’acqua
di settembre che cade a secchi
sugli occhi e gocciola da foglie addolcite
di miele di fico e sugo d’uva.

Spegne la sete di una bocca
“sgolata” da parole
che ballano la tarantella
a memoria delle lucciole
bevendo quest’acqua di soffitta Chiara
dove sei salito con una scala
traballante per due gambe che tremano
ancora sul letto di passione
che non finisce mai: si spengono
i pensieri d’acqua e non ce la fai
neanche a pipilare parole di cuore.

LA LAMA (FRANA)

Lo scarabocchio di un confine
che allarga la vista è abortito
con la lama d’acqua che ha devastato
la nuvola di viti sfemminellate
affantocciate a sudore di dita e schiena.

Un fosso di fango ha scombinato
l’odore d’uva e il filo di tegole
cade rasente all’aia dei salti
scoprendo debolezze della forza,
scapicollarsi affogato in mezzo
alle pozzanghere, ma hai ancora l’energia
per pensare ai maglioli che aggiustano
il filo di un confine di vino
dietro al fosso dove si dirupa
il sogno che ti dà ancora la spinta
a seminare grano che ritorna loglio.

SERA

La sera leggera avvertita come un velo
che cala e accende le stelle in cielo,
porta una pace che la testa confonde,
chiudo gli occhi e ascolto,
ascolto e sogno,
mi perdo e mi ritrovo,
e il mondo
mio è il paradiso di una volta
a te accanto.

IL TIRETTO

(A mia madre)

Cos’è quel tiretto di cianfrusaglie
che curi anche quando lo scompigli
e rimescoli ricevute e fogli
di carta con i conti, dove togli
l’ago e i bottoni, il ditale
o la forbice e il rocchetto di filo.

Cos’è quel tiretto che balbetta
sotto le mani parole di pozzanghere
dove la memoria ti ci aggroviglia
i pensieri e ci nasconde il caglio
delle voglie: orecchini, anelli, e collane,
fotografie, lettere, e pendagli
che ti ricordano ore di meraviglia.

Cos’è quel tiretto di tovaglie
ricamate tranquilla a maglie
di sogni masticati come la quaglia
con il nido che le ciliegie coglie
sotto le foglie del credere meglio
il giorno prossimo di mamma e figli.

Tiretto inventato sopra ciglia
dei fossi per polvere di sbagli
dove l’acqua della mente si raccoglie
porta sugo alle costole che ardono
di ricordi ammucchiati come una bica
e riscaldano il cuore che si scioglie.

GARRITI DI RONDINI

Si mescolano lucciole e occhi
a rimirare questa luna di percoca
che riscalda pensieri cotti all’acqua
d’uva e infiocchettati sopra orecchie
di una bambagia molle e mi ricordo
quel sapore di ciliegie colte
sopra nuvole di foglie a strilli
di rondini che riempiono un tarallo
di sogni ballando tarantelle
di vento e lampi tra scarabocchi
di sonno.
Ci torna in gola le volte
che vediamo rosseggiare una pianta
quando eravamo ragazzi dei vicoli
che ci accontentavamo di niente
dopo siamo cresciuti tra roveti
annusando aria di capelli
minestra di progetti e di stelle.

CASA ASSEDIATA

Le parole sono pestate nel mortaio
fatte polvere e vento che non soffia
te le mettono agli occhi come specchio
che ti fa vedere sempre al contrario,
dopo che hai detto: “Sí, è vero”
stai a credere solo a quello che non varia.
Parole vuote che ti sporcano gli occhi
non riconosci piú la casa larga
di tutti quanti: te l’hanno detto,
la testa non sente piú con le orecchie,
tanti a dare zampate alla porta della casa,
tu miri pietre a vetri e dài spallate,
chi scardina le finestre e chi sconocchia
le sedie, ci sta chi ruba il tetto
e chi dirupa i muri … si è fatto
piazza pulita e che bello è questo piatto,
ma quando viene a piovere e cerchi ridotto
non ci sta posto dove mettere il letto.